Soraris Spa  |  Amministrazione trasparente  |  Altri contenuti  |  Accesso civico 

Accesso civico

Che cos'è?

L’Accesso Civico è uno strumento volto a  favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e a promuovere la partecipazione al dibattito pubblico.

Dopo le modifiche apportate dal D. Lgs. 97/2016 al D. Lgs. 33/2013 è stata introdotta una nuova forma di Accesso civico (Accesso civico generalizzato).

Pertanto, ad oggi, l’accesso civico può essere esercitato in due modalità:

Accesso civico per omessa pubblicazione: chiunque ha il diritto di richiedere documenti, informazioni o dati nei casi in cui Soraris S.p.a. abbia omesso la loro pubblicazione;

Accesso civico generalizzato: chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti da Soraris S.p.a., ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione.

Come esercitare il diritto

La richiesta va indirizzata al Responsabile della Trasparenza. Può essere presentata tramite:

Il rilascio di dati o documenti in formato elettronico o cartaceo è gratuito, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall’amministrazione per la riproduzione su supporti materiali.

Il procedimento

Nel caso di accesso civico per omessa pubblicazione: il Responsabile della trasparenza dopo aver ricevuto la richiesta, la trasmette al Responsabile per materia e ne informa il richiedente. Entro trenta giorni, Soraris Spa pubblica nel proprio sito istituzionale il documento, l'informazione o il dato richiesto e contemporaneamente comunica al richiedente l'avvenuta pubblicazione, indicando il relativo collegamento ipertestuale. Analogamente procede laddove il dato risulti già pubblicato.

Nel caso di accesso civico generalizzato: Soraris S.p.a., ritenuta la richiesta meritevole di accoglimento provvede entro 30 giorni a trasmettere al richiedente i dati o le informazioni richieste.

In entrambi i casi, il rifiuto, il differimento e la limitazione dell’accesso verranno motivati con riferimento ai casi e ai limiti stabiliti dall’art. 5 bis D. Lgs. 33/2013.  

Responsabile per la prevenzione della corruzione e trasparenza

Direttore Generale - Damiano Lupato